31 maggio 2017

10 idee da Pinterest // Cosa creare con le conchiglie

maggio 31, 2017 0 Commenti
È un mese che faccio il conto alla rovescia per questo giorno: ebbene sì, mentre questo post apparirà magicamente sul blog, io e Archimede avremo già posizionato la roulotte in quel dell'Argentario, dove resteremo per questo ponte in cui lui festeggerà anche il compleanno.
Doppia festa!
Vorrei tornare riposata, abbronzata, con mille foto di posti belli. Io e il mare non siamo mai andati troppo d'accordo, ma sto cercando di dargli una possibilità.
L'unica cosa che, in spiaggia, ho sempre amato fare è raccogliere le conchiglie e i sassolini. Ne ho tantissimi a prendere la polvere, ma so benissimo che questo non mi impedirà di riportarne a casa un'altra busta. Per farci cosa? Be', io ancora non lo so con esattezza, ma spero che questa mini selezione di idee da Pinterest mi aiuti e aiuti anche voi, perché no!

Ecco qui le 10 idee che ho preferito per utilizzare le conchiglie in modo creativo.
3) Le conchiglie per fare pupazzi di neve da appendere all'albero o come tag chiudipacco. So che andare al mare e pensare al mare è un po' un controsenso, ma per certe cose non è mai troppo presto, parola di pasticciona!

Ci risentiamo la settimana prossima, buon ponte del 2 giugno e buona vacanza a me!!!

29 maggio 2017

Festa a tema Peppa Pig: idee fai da te [Seconda parte]

maggio 29, 2017 0 Commenti
Come promesso lo scorso mercoledì, oggi continua l'invasione di maialini qui sul blog.
Per la prima parte delle idee fai da te a tema Peppa Pig vi rimando al mio ultimo post, qui.

E ora, le novità.

6) La casina di Peppa

Se devo essere sincera la casina di Peppa è stato, forse, l'addobbo che ho preferito in assoluto. Anche la mia nipotina ne era pazza, così tanto che poi, la scorsa estate, è rimasta a farci compagnia accanto all'amaca, fino a quando si è infradiciata.
La sua realizzazione non è velocissima, ma resta comunque un'idea fai da te a basso costo e di sicuro effetto.
Tutto inizia a partire da uno scatolone tinteggiato con la tempera giallo chiaro.
Porte, tetto e finestre non sono dipinti, ma ricavati semplicemente dai cartoncini attaccati con la colla a caldo alle mura della casina.

24 maggio 2017

Festa a tema Peppa Pig: idee fai da te [Prima parte]

maggio 24, 2017 0 Commenti
L'anno scorso, di questi tempi, ero alle prese con gli addobbi del quarto compleanno della mia nipotina, tutti a tema Peppa Pig, perché, dice lei, era piccola
Quest'anno che siamo grandi ci occupiamo dei Super Pigiamini, ma questa è un'altra storia.
La storia di oggi grugnisce, ha i contorni netti della famiglia Pig, dei loro picnic, della loro vita quotidiana che, sì, in fondo è la vita quotidiana di tutte le famiglie. O almeno, dovrebbe esserlo.

Ho deciso di raccogliere tutti gli addobbi che ho fatto per la festa a tema Peppa Pig in due post: oggi vediamo la prima parte e lunedì la seconda.

Buona lettura!

1) Personaggi da appendere al soffitto

Realizzare i personaggi scelti con il cartoncino.
Da un altro cartoncino (fucsia e arancione, nel mio caso) ritagliare dei cerchi a spirale.

22 maggio 2017

Come fare una busta regalo di whatsapp

maggio 22, 2017 0 Commenti
Nel mese di marzo ho realizzato una torta ricoperta in pasta di zucchero per una nipote di Archimede. Il tema? Lo smile di whatsapp, quello con due cuori al posto degli occhi.
Avevo pensato di prendere una busta gialla per riprodurre lo stesso smile sul suo pacchetto regalo, ma quella mattina le buste gialle sembravano essere sparite da tutte le cartolerie. 
Che dite, avrò abbondato la mia idea?
Ma nemmeno per sogno.
Dicono di me che sono per tre quarti tigna (cioè che sono leggermentissimamente testarda) ed è per questo che ho comprato un cartoncino giallo, quello sì l'ho trovato, e con le mie mani sono riuscita a creare proprio quello che avevo in mente! 
Soddisfazione alle stelle.

Volete anche voi la vostra busta regalo fai da te
Di seguito vi racconto come ho creato la mia.
Che cosa serve:

  • cartoncino giallo;
  • ritagli di cartoncino rosso, verde, bianco e marrone;
  • nastro giallo per i manici;
  • biadesivo;
  • forbici;
  • colla.

19 maggio 2017

Storie della buonanotte per bambine ribelli [Elena Favilli e Francesca Cavallo]

maggio 19, 2017 0 Commenti
Se un giorno sarò madre, non appena i miei figli saranno in grado di capire, leggerò loro queste favole, prima di dormire. Certo anche Biancaneve, anche il Re Leone, ma non solo. 
Le leggerò alla mia bambina, per insegnarle che potrà essere tutto quello che vorrà, se sarà caparbia e ci metterà tanto impegno.
Le leggerò al mio bambino, per insegnargli che ogni persona ha il diritto di essere libera, per fargli capire che le principessine immobili e sciapette non servono a nessuno, tanto meno a lui.

17 maggio 2017

Come fare un fiore amigurumi // Free pattern

maggio 17, 2017 0 Commenti
Odiavo l'inglese a scuola. Tuttora preferirei leggere tre ore in disparte e in silenzio piuttosto che pronunciare qualcosa in quell'orribile lingua senza la quale, pare, non si possa fare un bel niente ormai nella vita.
Tuttora odio sentire discorsi farciti di termini stranieri che fanno sentire ignoranti e che, tutto sommato, continuo a pensare non siano poi così necessari e indispensabili.
Possibile che non possiamo parlare in italiano? Possibile?

Soltanto in un caso, mio malgrado, ho dovuto cedere ammettendo che, se avessi voluto creare belle cose all'uncinetto, avrei dovuto affidarmi anche alle sapienti mani e alla generosità di creative non italiane.
Per questo anni fa ho scaricato una specie di dizionario in grado di farmi capire le abbreviazioni dei free pattern (I'm very British today) stranieri ed è grazie alla mia testardaggine e a un interesse improvviso per l'altra lingua, che mai, mai, avevo dimostrato in tutti gli anni di scuola e di liceo, che ho potuto realizzare, tra le altre cose, questo bellissimo fiore amigurumi all'uncinetto.

15 maggio 2017

Guarda bello! // Capitolo 7 [Torre Alfina]

maggio 15, 2017 0 Commenti
Dopo la pausa di aprile, dovuta al fatto che il terzo lunedì del mese era Pasquetta, torna la mia rubrica Guarda bello! Ispirazioni in giro.
Guarda bello! è una raccolta di piccole ispirazioni non collezionate su Pinterest né salvate su Facebook, ma trovate semplicemente in giro. La rubrica nasce per raccogliere tutti quegli scatti, spesso non bellissimi, nati sull'onda di una meraviglia assoluta, sull'onda di un'improvvisa voglia di creare qualcosa di simile, sull'onda di un'ispirazione, di due occhi spalancati, di un'esclamazione: Guarda bello! Una rubrica che tenta, in questo tempo quasi soltanto digitale, di essere il più fuori dagli schermi possibile.
Oggi vi porto in un piccolo borgo in provincia di Viterbo, dove io e Archimede siamo capitati per caso in una domenica gelidissima dello scorso gennaio: Torre Alfina.
Probabilmente non l'avrete mai sentito nominare, ma se siete di passaggio da quelle parti vi consiglio di mettere una visita al paese in agenda, vi ruberà poco tempo e vi lascerà sicuramente soddisfatti.

Continuando a leggere vi spiego il perché.

12 maggio 2017

Possa il mio sangue servire - Uomini e donne della Resistenza [Aldo Cazzullo]

maggio 12, 2017 2 Commenti
C'è una canzone di Ligabue che ultimamente mi capita spesso di ascoltare, quando metto la riproduzione casuale, le cuffie e il contapassi. Succede che, durante le mie passeggiate in mezzo alla natura, mi faccia compagnia la storia di Luciano Tondelli, un ragazzo rimasto per sempre ragazzo, nella sua terra emiliana.
Ascolto le sue parole, quelle che Ligabue ha immaginato per lui, ascolto i suoi rimpianti e quel finale amaro, decisamente prevedibile viste le condizioni politiche attuali.
Voi non mi chiedete se rifarei tutto, ho smesso di farmi la stessa domanda. Qualcuno mi disse: "Ricorda ragazzo, la storia non cambia se tu non la cambi".
Luciano Tondelli è morto, a dieci giorni dalla Liberazione. È morto che non aveva nemmeno vent'anni. È morto per me, per noi, per la nostra libertà.
È morto come moltissimi altri, tra i monti e non solo.
Uomini, donne, ragazzi, ragazze, militari, sacerdoti, carabinieri.
Li ho conosciuti meglio quest'anno, grazie all'opera Possa il mio sangue servire di Aldo Cazzullo, che racconta di loro, delle loro vite normali stravolte dal fascismo e dalla guerra, racconta della loro scelta, del loro nascondersi, del loro combattere, delle loro catture, delle loro torture, delle loro morti.

10 maggio 2017

Il mio minialbum di San Valentino

maggio 10, 2017 4 Commenti
Sottotitolo: meglio tardi che mai.

Correva il mese di gennaio quando sul canale Youtube di Auguriamo Sabry sono inciampata in un suo tutorial cartaceo che, istantaneamente, ho deciso di replicare nella struttura per San Valentino.

Non scriverò un post tecnico, fatto di misure e foto passo passo, perché per tutto questo c'è già il video di Sabrina, mi limiterò a mostrare il mio risultato finale, ottenuto senza passaggi troppo complicati.

Comincio dall'inizio, dalla copertina dell'album, su cui ho realizzato un abbraccio mio e di Archimede, un abbraccio di carta, come confidenzialmente l'ho chiamato io. 
È personalizzato: io ho i capelli ricci, lui ne ha pochi, io indosso una maglietta a pois e lui un maglione a righe viola che mette spesso. Il tutto su uno sfondo verde mela che ci accompagna almeno dalla scorsa estate e che rimanda subito alla natura in cui siamo immersi. 

8 maggio 2017

Come fare una scratch off card (un biglietto gratta e vinci)

maggio 08, 2017 0 Commenti
Buongiorno e buon lunedì!
Col mio solito tempismo mi accingo a mettere per iscritto una delle ultime tecniche che ho provato in fatto di CartolElya, tecnica sperimentata nientepopòdimenoche in occasione di San Valentino.
Ben tre mesi fa, dunque.

Come spesso accade l'idea di realizzare un biglietto gratta e vinci (dovrei dire scratch off card se volessi essere chic) si è affacciata nella mia testolina navigando su Pinterest.
Gli ingredienti necessari per ottenere un effetto tanto originale non sono per niente complicati da reperire, anzi: sono sicura che ce li abbiamo già tutti in casa.

Forza, armatevi di sapone dei piatti e continuate a leggere!
Che cosa serve:

  • cartoncino;
  • forbici;
  • sapone dei piatti;
  • acrilico rosso;
  • biadesivo;
  • nastro adesivo trasparente alto;
  • una moneta da pochi centesimi.

5 maggio 2017

Il mese dell'Ely // Aprile 2017

maggio 05, 2017 0 Commenti
Ho sempre avuto la capacità di isolarmi dal mondo, lontana da tutto e tutti, in una bolla dove i rumori arrivano ovattati o, certe volte, proprio non arrivano. Ho sempre saputo scrivere storie nella testa, da quando ero bambina e stavo spesso da sola, passando per gli anni del liceo in cui ogni giorno mi immaginavo nei panni di un'eroina futura diversa, fino ad arrivare ai miei giorni da operaia in fabbrica, dove pur di non sentirmi in gabbia con la testa cantavo, pensavo, scrivevo.
Io so farlo: so andare via, quando voglio, dove voglio.
Sorrido spesso, mi circondo di tante cose, coloro il mio mondo, perché del mondo ho già visto il peggio e so che non vale la pena di vivere affannandosi e ammalandosi per due soldi in più, che tanto presto o tardi si muore tutti, perciò tanto vale provare a essere hacuna matata il più possibile, finché possibile.
Sono egoista o libera? Certe volte me lo chiedo, mentre fingo che i problemi non esistano, mentre fingo di aver bisogno solo a tratti di un abbraccio in cui rifugiarmi.

3 maggio 2017

Scarpe macchiate di varichina? Si "risolve" col decoupage!

maggio 03, 2017 0 Commenti
L'idea non è la mia, purtroppo o per fortuna. Ho fatto tante cose prive di senso, ma forse mai nessuna così assurda. Archimede e la mamma hanno guardato la mia opera spalancando gli occhi, dicendomi No, ma sono belle eh. Saranno stati convinti? Non lo so, sinceramente. 

La storia è questa. Una mattina della scorsa estate, all'Ovs, al prezzo di 10€ ho comprato queste scarpe. La sera stessa, mentre stavo dando lo straccio al bar, qualche goccia di varichina mi ci è caduta sopra, perciò non ho più potuto metterle, se non a casa. 
In mio soccorso è giunta, in un pomeriggio della scorsa primavera, una tutor di Detto fatto: Donnarita. In puntata ha trasformato un paio di scarpe di tela vecchie e bucate in qualcosa di bellissimo, nuovo, tutto fiorato. Come? Col decoupage!

Le mie scarpe, che continuerò a usare solo a casa, ci tengo a precisarlo prima di essere presa per pazza, sono nate grazie alla sua idea.
Che cosa serve:
- un paio di scarpe vecchio e rovinato;
- vinavil o colla per decoupage;
- tovagliolini per decoupage;
- acrilico bianco;

Follow Us @soratemplates