19 febbraio 2018

# Guarda bello!

Guarda bello! // Cap. 14 [Gressoney St.Jean]

Come sapranno i miei lettori più affezionati il terzo lunedì del mese qui sul blog è sinonimo della rubrica Guarda bello! Ispirazioni in giro.
Guarda bello! è una raccolta di piccole ispirazioni non collezionate su Pinterest né salvate su Facebook, ma trovate semplicemente in giro. La rubrica nasce per raccogliere tutti quegli scatti, spesso non bellissimi, nati sull'onda di una meraviglia assoluta, sull'onda di un'improvvisa voglia di creare qualcosa di simile, sull'onda di un'ispirazione, di due occhi spalancati, di un'esclamazione: Guarda bello! Una rubrica che tenta, in questo tempo quasi soltanto digitale, di essere il più fuori dagli schermi possibile.
Come sapranno, ancora, i miei lettori più affezionati, quest'estate sono stata in Valle d'Aosta, l'ho girata in lungo e in largo e sono rimasta più e più volte piacevolmente colpita e sopresa.
Ho già pubblicato due post sulle mie esclamazioni di bellezza in quella regione: il primo sulle meravigliose cassette della posta rintracciate in giro e il secondo sulle piccole cose belle di Cogne.

Oggi vi riporto lassù tra i monti, lasciamo il Gran Paradiso per andare alle pendici del massiccio del Monte Rosa, sulle sponde del torrente Lys, là dove la regina Margherita di Savoia fece costruire il suo fiabesco castello: oggi andiamo a Gressoney St. Jean.
Gressoney St. Jean, 1385 m d'altitudine, mi si è appiccicata al cuore.
Sebbene non fosse vicinissima alla nostra casa vacanza, sono comunque voluta andare lì, innamorata del castello inaugurato dalla regina Margherita nel 1904. Quello che non avevo capito, studiando sommariamente il nostro itinerario su internet, era che quello splendido castello un po' in stile Disney era collocato accanto a un paesino davvero meraviglioso.

Gressoney, secondo me, non ha niente da invidiare alle più note Cogne, Cervinia, Courmayeur. Anzi.
Il fiume Lys ci scorre limpido e agitato in mezzo, mentre la popolazione Walser ha dato vita a case dall'aspetto unico, un mix di legno e pietra, ma soprattutto tanto colore. Esporterei volentieri una casetta Walser qui in Umbria, ci vivrei serenamente col sorriso: si sa che dove ci sono i colori io sono felice.
Evito di pubblicare tutte le persiane sgargianti e allegre che ho fotografato, ve la mostro solo una, a titolo esemplificativo.
A Gressoney la cura per i dettagli era imbarazzante.
Perfino le panchine sparpagliate lungo le strade e nei parchi erano rosse e nere, colori che ho scoperto proprio in quell'occasione essere quelli della Valle d'Aosta.
Tutto era preciso, sistemato. Nessun fiore, nessun angolo lasciato al caso o all'improvvisazione. 
A Gressoney St.Jean tutto mi gridava Fotografami! Fotografami! Fotografami!
E io? 
Be'...ho fotografato.
Ho fotografato, ve l'ho detto.
Chiedo scusa per le troppe immagini, ma Gressoney St.Jean, ai piedi del Monte Rosa, nell'alta valle del Lys, mi resterà sempre nel cuore. Spero già di ritornarci, un giorno!

4 commenti:

  1. Ely! Posti come questi ci credo che ti restano appiccicati al cuore... io dopo decenni (quasi 3 per la precisione, mi fa un pò impressione dirlo... ma tant'è!!) che manco dalla Valle d'Aosta ancora mi porto dentro immagini splendide, ricordi incancellabili.
    Grazie per questo reportage: hai saputo cogliere l'essenza di quel luogo e ce l'hai donata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Selezionare le foto per questo post è stata un'impresa titanica. So che sono molte, ma giuro che ne avevo molte (ma molte eh) di più.
      Gressoney mi ha completamente conquistata, forse più di tutti gli altri paesi/città valdostani.
      Mi ha sorpresa anche perché non avevo capito che fosse così bella prima di metterci piede: la regina Margherita ha avuto buon gusto.
      Buona settimana Maris!

      Elimina
  2. Ciao Ely bellissime foto, hai saputo cogliere i particolari. Io non sono mai stata in Valle d'Aosta, ma adoro la montagna. Vivo in un'isola ma è da anni che trascorro le mie vacanze in Trentino. Anche io mi diverto a fotografare, e ti posso dire che ormai soffro di mal di montagna 😘. Mi piace la tua rubrica.
    Un abbraccio.
    Piny.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se adori la montagna la Valle d'Aosta te la consiglio proprio, per i paesaggi soprattutto il Cervino è uno spettacolo incredibile. Io sono stata su una settimana ad agosto e sono stata fortunata, perché il tempo è sempre stato bello così abbiamo visto molte cose.
      La montagna per me ha un fascino speciale, spero di riuscire ad andare in Trentino presto. :)

      Sono felice che la rubrica ti piaccia, la trovi sul blog ogni terzo lunedì del mese!

      Buona giornata Piny!

      Elimina