23 aprile 2018

# dolci # ricette

Ricetta della panna cotta tricolore: auguri Italia!

Mercoledì sarà il 25 aprile, quella che, per il mio modo di vedere le cose, è la festa italiana più importante. A dire il vero non credo sia questione di opinioni politiche, penso che il 25 aprile sia una festa universale, non di una parte e basta, e che vada celebrata non solo con corone d'alloro in memoria dei caduti, ma soprattutto nella quotidianità delle nostre vite, mostrandoci attenti e non indifferenti alle questioni politiche del nostro piccolo e complicato Paese. Libertà è partecipazione, cantava Gaber, io lo credo fermamente.

Penso che dovremmo tutti essere consapevoli che se siamo liberi di fare ciò che facciamo, di dire quello che diciamo, di scrivere quello che scriviamo, lo dobbiamo ai partigiani e a tutti coloro che, anche a costo della propria vita, hanno combattuto e vinto il nazifascismo
Per questo il 25 aprile deve essere festeggiato, senza se e senza ma, senza i soliti giochetti volti a screditare la Resistenza, senza quei pessimi tentativi di mettere sullo stesso piano fascisti e partigiani, ugualmente violenti e assassini, secondo una rilettura storica che non condivido minimamente. C'è una profonda differenza tra chi ha combattuto per una causa giusta e chi no e questo non va dimenticato mai. Metterli sullo stesso piano significa uccidere di nuovo chi è morto per noi, per la libertà di generazioni future che non avrebbe mai conosciuto, significa non capire che se possiamo decidere da che parte stare lo dobbiamo sempre a quella guerra di liberazione lì che, badate bene, non fu una guerra soltanto comunista, ma di tutto l'antifascismo. 

Tutti i diritti che abbiamo nascono sulle montagne, la Costituzione, come scrisse Calamandrei, è nata ovunque è morto un partigiano per riscattare la libertà e la dignità di un popolo intero.
Ora, io non so se la usiamo bene la libertà che per fortuna abbiamo, certe volte non mi sembra, a dire il vero. Sarebbe bello se fossimo davvero consapevoli della ricchezza che abbiamo, sarebbe bello che considerassimo un po' il 25 aprile il compleanno della nostra libera Italia. Sarebbe bello se, durante i nostri picnic, pensassimo un attimo a che cosa si festeggerà mercoledì.

È molto probabile che io passerò la giornata a fare bomboniere di laurea, ma nonostante la mole di lavoro, spero di riuscire a preparare la ricetta assolutamente a tema che vi vado a raccontare.

Per il 25 aprile che ne dite di preparare una bella panna cotta tricolore? Base verde con la menta, poi strato bianco classico e infine l'ultimo rosso con le fragole.

Ingredienti

  • 500 ml di panna fresca;
  • 100 g di zucchero;
  • 3 fogli di colla di pesce;
  • 1 bustina di vanillina;
  • sciroppo di menta;
  • 200g di fragole;
  • succo di limone;
  • 2 cucchiai di zucchero a velo;
  • foglie di menta, fragoline e ciuffi di panna per decorare.

Come si fa

Innanzitutto preparate il "colorante" rosso. Per farlo frullate le fragole con due cucchiai di zucchero a velo e qualche goccia di succo di limone, poi fate bollire il composto per qualche minuto prima di metterlo a raffreddare. Ricordatevi di lasciare da parte qualche fragola per la decorazione.

Preparate la panna cotta, facendo bollire la panna fresca con lo zucchero e la vanillina. Aggiungete la colla di pesce precedentemente ammollata in acqua fredda e dividete la panna cotta in tre parti uguali: una lasciatela bianca al naturale, nella seconda versateci lo sciroppo di menta per farla diventare verde e nella terza il composto di fragole frullate per creare il rosso.

In questo modo potrete creare tre panne cotte, da mettere insieme a bandiera una volta che saranno fredde. 

Se, come me, volete creare i tre strati direttamente nelle monoporzioni trasparenti dovrete avere un po' più di pazienza, perché sarà necessario prima preparare la panna cotta verde, versarla negli stampi e farla solidificare; poi bisognerà creare la panna cotta classica, versarla su quella verde e aspettare il suo raffreddamento; infine ci si dovrà dedicare alla panna cotta rossa per creare l'ultimo strato su quello bianco.

Qualunque sia l'aspetto che sceglierete di dare alla vostra panna cotta non dimenticate di decorarla con ciuffetti di panna, pezzettini di fragole e foglie di menta!
Viva l'Italia e viva il 25 aprile!

2 commenti:

  1. Adoro la panna cotta ed una volta l'ho fatta con la salsa ai lamponi :) Questa tua è troppo bella visivamente e davvero golosa al palato! Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La panna cotta è buona in tutti i modi, soprattutto d'estate mi fa impazzire!

      Elimina