10 gennaio 2018

# Carnevale # cucito

Come fare il vestito di Carnevale di Gufetta dei Pj Masks

L'Epifania tutte le feste si porta via, ma fino a un certo punto dai. Non c'è già quasi odore di frappe e struffoli nell'aria? Di castagnole e chiacchiere? Qualunque sia il nome con cui li chiamiamo, sono sicura che se ci impegnassimo un po' potremmo già sentire l'odore di qualsiasi dolce frittissimo sia tipico del Carnevale nelle nostre zone. O no?

Dopo due anni consecutivi in cui mi sono adoperata un sacco per creare il costume di Carnevale da sogno per la mia nipotina quest'anno non dovrò farlo, perché ho esaudito così tanto i suoi desideri nel 2017 che quest'anno vestirà ancora gli stessi panni della sua eroina preferita: Gufetta dei Pj Masks!

Il cartone sta davvero spopolando, piace trasversalmente un po' a tutti i bambini, maschi e femmine senza troppe distinzioni, oggi penso perciò di scrivere un post utile a tutte le mamme o zie (come me) alle prese con bimbe che sognano di essere Gufetta, sarà un po' complicato da spiegare ma ho tutta l'intenzione di raccontarvi come fare la maschera di Gufetta con le vostre mani o, almeno, ho tutta l'intenzione di raccontarvi come ho fatto a crearla io, l'anno scorso.
Innanzitutto, eccola qui.
Sono partita da un progetto, realizzato insieme alla mia nipotina. Ho pensato di realizzare le ali di Gufetta, una maschera per il volto e una casacchina col simbolo dell'eroina. A completare il costume sarebbero stati poi un paio di leggins e una felpa entrambi, ovviamente, rossi.

La mia nipotina ha aggiunto al progetto la super vista e il vento di Gufetta, per i quali è stata sufficiente la sua immensa fantasia!
Per creare il costume di Gufetta dei Super Pigiamini occorrono:
Per fare le ali bisogna prendere la misura dell'apertura delle braccia della bimba che sarà Gufetta. Questa misura sarà il diametro (e in pratica la base) del semicerchio che andremo a tracciare su un pannolenci rosso o su un insieme di fogli di giornale, come nel mio caso, che faranno da modello.

Vi ricordate quando, nelle ore di educazione tecnica alle medie, da un cerchio, col compasso puntato in vari punti, vi insegnavano a ricavare una specie di fiore? Bene, io per disegnare le punte delle ali di Gufetta ho usato proprio lo stesso metodo (per rinfrescarvi la memoria guardate quest'immagine qui)

Una volta completato il modello appoggiarlo sul pannolenci rosso e ritagliare. Se alcune punte, come è successo a me, non dovessero entrare nella stoffa, basta ritagliarle a parte e cucirle. La differenza non si noterà affatto.
A questo punto si procede con la realizzazione delle piume rosa interne. Vi anticipo che per me è stata l'operazione più noiosa, lunga e complicata dell'intera lavorazione.
Aiutandosi sempre con un modello ricavato dalle pagine di un vecchio giornale ritagliare le piume dal pannolenci rosa, partendo dall'esterno delle ali, fino a ricoprirne poi tutta la superficie. 
Cucire tutto.
Mettere un attimo da parte le ali e costruire la casacchina di Gufetta, prendendo le misure con una felpa della bambina che la indosserà.

Dopo aver posizionato la stoffa rossa dritto contro dritto, tagliare una specie di gilet, come mostrato nella foto sottostante.
Cucire l'orlo intorno al collo e intorno alle braccia.

Sul dietro applicare una chiusura lampo rossa, in posizione decentrata spostata verso una delle due spalle. Questo perché al centro attaccheremo il bottone con cui unire la casacchina alle ali.
Con il pannolenci rosa creare lo stemma di Gufetta, da cucire poi al centro del davanti della casacchina, come mostrato in foto.
A questo punto siamo pronti per confezionare la casacca.
Mettere nuovamente dritto contro dritto il davanti e il dietro e cucire lungo un fianco, poi aprire la tunica e cucire l'orlo inferiore
Applicare una striscia di pannolenci rosa lungo tutto il fianco cucito, poi procedere allo stesso modo con l'altro fianco, prima cucendolo e poi applicandoci la striscia rosa.
Rovesciare ancora la casacca e cucire, infine, le spalle.
Per unire casacca e ali è sufficiente applicare tre bottoni automatici: uno al centro del dietro della casacca e gli altri due sulle spalle. 

Infine bisogna realizzare due polsini, dove la bimba infilerà le mani, da applicare alle due estremità esterne delle ali. 
Per farle, in modo molto semplice, occorre rivestire un elastico nero alto circa 2 cm con della stoffa rossa: l'elastico dovrà formare un anello poco più grande del polso della bambina che lo indosserà e la stoffa gli si dovrà arricciare intorno. 

Una volta creati entrambi i polsini, andranno cuciti a mano alle estremità delle ali, come mostrato di seguito.
Per completare il costume di Gufetta non resta che la maschera per il volto.

Per non infastidire troppo la mia nipotina che male avrebbe sopportato tanta roba davanti alla faccia, ho scelto di creare una maschera da appoggiare semplicemente sulla fronte, lasciandole scoperto tutto il viso.

Per farla ho usato il feltro rosso, da cui ho ritagliato la sagoma desiderata.
Sulla sagoma rossa ho applicato i dettagli creati con il pannolenci rosa, bianco, nero e rosso, incollando tutto con la colla a caldo.

Infine sul retro ho cucito a mano un elastico nero alto circa 2 cm, prendendo bene la misura della testa della mia nipotina.
Non resta che procurarsi un paio di leggins rossi e una felpa rossa per completare il costume!

Scusate per la prolissità del post, volevo essere il più chiara possibile, perciò mi sono dilungata. Se realizzerete questo costume grazie al mio tutorial mi piacerebbe tanto vederlo, perciò, nel caso in cui lo facciate, vi invito a condividere la foto della vostra creazione su Instagram taggandomi (mi trovate come @lelycuriosa_cartolelya). Grazie in anticipo!

Nessun commento:

Posta un commento